Un evento andato oltre le più rosee previsioni, alberghi e ristoranti pieni compresi i B & B, tantissima gente come non si era mai vista a Martina Franca negli ultimi anni, l’organizzatore della manifestazione per la Events & Promotion di Roma Antonio Rubino ha deciso di pubblicare sul Puglia Press una lettera aperta alla città.
Da cosa è nata questa decisione?
“Dal voler ringraziare tutti coloro che hanno reso possibile la manifestazione e soprattutto i bar che si sono sostituiti al pubblico nel tenere aperti i loro bagni”
Si aspettava tutta questa gente?
“Assolutamente no, anche se lo scorso anno era già stato un successo. Avevo allertato sia il Comune che la Polizia locale avvertendoli che poteva esserci una affluenza eccezionale, grazie ad una imponente campagna pubblicitaria nazionale. Siamo stati sottovalutati”
Più gente della miglior festa patronale estiva che si ricordi, non c’erano le giostre, ma solo atmosfera natalizia e cibo di strada ed eravamo a Novembre il mese più critico per gli operatori commerciali
“Sta a dimostrare che ci possono essere degli eventi alternativi. Questo ha consentito a tutte le attività aperte e non solo delle aree coinvolte, di fare dei buoni affari. Tutta la gente arrivata a Martina si è divertita e ne ha parlato bene, mi è sembrato anche che i martinesi abbiamo compreso il nostro progetto, tranne quelli che vogliono speculare sulle loro battaglie politiche e chi ha altri interessi. Per la prima volta mi è sembrato che i buoni abbiano prevalso sui gufi. Sui social quando uno cerca di speculare denigrando ce ne sono cento che si scagliano contro. Bisogna capire se questa manifestazione potrà crescere o continuare o se vinceranno quelli che vogliono distruggere tutto. Io non ho problemi”
Grazie al successo di Perbacco sono arrivate altre richieste
“Addirittura da Noci dove a Giugno organizzeremo un grande evento, ma anche da Barletta, dal Molise e dalla provincia di Lecce. Stiamo pensando ad un evento romantico da tenersi in una città della Valle d’Itria dal 13 al 15 febbraio dove prevarrà la cioccolata. Se l’Assessorato al Comune ci darà entro i primi di gennaio l’autorizzazione faremo ad Agosto a Martina un evento tanto originale che promuoverà la città in europa, altrimenti andremo a farlo fuori”.
Lei ha detto che comunque Perbacco che vicoli ha diverse aree di miglioramento
“Assolutamente si. Intanto quella di ampliare l’area della manifestazione, coinvolgendo la Martina antica. Secondo di strutturare i servizi per poter ospitare il doppio della gente di quest’anno. Parcheggi, servizi navetta e bagni pubblici sono le priorità, poi quello di costituire un efficiente comitato del Centro Storico che possa affiancarsi all’organizzazione dando un contributo di idee. Ecco questa può essere una novità.”
Quale la ricaduta dell’evento sulla città?
“Intanto abbiamo promosso il nome di Martina in tutta Italia. Eravamo da gennaio su tutti i mercatini di Natale europei. Su FB la pubblicità a pagamento è stata visualizzata da oltre un milione di persone. Poi tutto il resto con pubblicità in prima pagina sui maggiori quotidiani, sulle TV e le radio locali ed i nuovi mezzi di mobile marketing. Oltre al ritorno immediato durante questi tre giorni, vedrete che la città ne avrà uno diluito nel tempo”
Sulla sua lettera aperta chi ha ringraziato?
“Intanto gli Assessori Nunzia Convertini e Antonio Scialpi che già l’anno scorso avevano creduto all’evento. A loro si è aggiunto l’assessore Lasorsa. Poi gli eroi dell’evento, ovvero i titolari del Bar Derna, del Caffè Tripoli e dell’ Xò cafè che hanno aperto i loro bagni alle migliaia di persone che trovavano chiusi quelli pubblici. Sono stati ripagati da affari d’oro, Donato del Bar Derna mi diceva che si è lavorato più di ferragosto. Devo ringraziare i Vigili urbani che hanno fatto un grande lavoro. Purtroppo c’è stata tolleranza zero sulle multe. Ne sono state elevate tantissime per divieto di sosta a tante auto di forestieri. Se fossero stati garantiti i parcheggi sarebbero state giustificate”
Lei ha ripulito la città consegnandola forse meglio di come era prima
“Abbiamo utilizzato dieci persone a pulire continuamente le strade durante la manifestazione. Abbiamo riempito tutti i cassonetti che avevamo a disposizione, Purtroppo il Comune e la società che raccoglie i rifiuti non hanno una dotazione sufficiente. Ad un certo punto non ne potevamo più raccogliere rifiuti. Il giorni successivi abbiamo ripulito, sgrassato, lavato con idropulitrici ed autobotti d’acqua non solo le aree della manifestazione, ma anche altre. Qualcuno dice che spettava a noi, ma non mi sembra che dopo i mercati settimanali o la fiera di San Martino gli ambulanti puliscano lo facciano. Lo abbiamo fatto per zittire i gufi che armati di macchina fotografica erano dietro l’angolo, compreso un consigliere comunale di … maggioranza”
Cosa farà ora?
“La manifestazione non è ancora finita, ci vorrà almeno un’altra settimana di lavoro. Poi qualche giorno di riposo. Voglio seguire personalmente il progetto di donare un pasto per Natale ad alcune centinaia di persone che non possono permetterselo con la vendita di quattro bellissime cartoline realizzate gratuitamente da Donato Gasparro, in collaborazione con l’Emporio solidale di San Martino. Sarebbe bello se da un evento enogastronomico arrivasse un pranzo a chi l’enogastronomia non se la può lontanamente permettersela. Vorrei fare il tradizionale Concerto di Natale in Basilica da trasmettere in diretta. Vedremo”.
Si chiude il sipario di Perbacco che vicoli diventato un marchio di successo
Redazione Martina Sera

Commenta su Facebook

2 Commenti

  1. Grande evento, complimenti all ‘organizzatori ma non si può sentire parlare già di trasferimento chi ama Martina fa in modo di farla diventare grande combattento anche contro i gufi altrimenti è solo business e spero che non sia il vostro caso. Martina ha qualcosa di magico che altre città citate non avranno mai……e poi mai!!!

    • Non abbiamo mai pensato di spostarci. Intendiamo organizzare degli eventi diversi anche in altri comuni. Sempre che l’Amministrazione Comunale vorrà continuare a darci fiducia.
      Antonio Rubino

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here