Nella giornata di ieri si è svolta una riunione fra l’Ufficio Comunale della Protezione Civile, diretto dall’ing. Giuseppe Mandina, l’Amministrazione comunale e il Direttore Medico del Presidio Ospedaliero Valle d’Itria, Dott. Gianfranco Malagnino per pianificare le attività di prevenzione da mettere in campo alla luce della circolare della Protezione Civile Regionale e dei Decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri.

Ribadendo che non sono presenti a Martina Franca casi di coronavirus, nel corso dell’incontro il dott. Malagnino ha esposto le indicazioni che personale medico e utenti dovranno rispettare a partire dal 6 marzo 2020 fra cui: consentire l’ingresso a solo un parente/visitatore  nella fascia oraria 19.00/20.00  (vietato l’ingresso al di fuori di detta ora); tenere chiuse, durante le visite, le porte di accesso alle degenze; praticare l’igiene delle mani all’ingresso ed all’uscita dal reparto di degenza utilizzando i servizi igienici presenti nel reparto stesso; entrare singolarmente o con l’assistenza di un solo accompagnatore per  gli utenti che accedono ai Servizi, agli Ambulatori e alla Farmacia; effettuare, prima dell’accettazione, lo screening sia all’utente che all’accompagnatore mediante apposito questionario; accedere agli uffici amministrativi esclusivamente in caso di comprovata urgenza e previa richiesta telefonica utilizzando la mail istituzionale, vietare l’ingresso nella Cappella Ospedaliera alla utenza esterna.

Nelle prossime ore, a titolo meramente precauzionale, dinanzi all’ospedale sarà montata una tenda pneumatica corredata di arredi campali dove saranno svolte le operazioni di pre-triage.

Dopo aver igienizzato e sanificato, nei giorni scorsi, tutte le scuole del territorio comunale, il Comune di Martina Franca sta predisponendo la sanificazione degli ambienti del Comune di Martina Franca e mettendo in campo azioni di prevenzione fra cui: riduzione delle sedute nella Biblioteca comunale e nelle sale d’attesa di tutti gli ufficio comunali in modo da rispettare la distanza di un metro fra i singoli utenti e l’installazione dei dispenser di igienizzanti.

Con riferimento alle attività degli esercizi commerciali, di artigianato e di somministrazione di alimenti e bevande (bar ,ristoranti, pub…) che comportano l’affluenza di pubblico, si raccomanda l’applicazione delle misure di prevenzione igienico sanitarie di cui all’allegato 1 del DPCM del 4 marzo 2020.

Si rammenta, infine, alla popolazione,  di rispettare, anch’essa, le misure igienico-sanitarie previste dall’allegato del DPCM del 4 marzo 2020 ovvero:  lavarsi spesso le mani, evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute; evitare abbracci e strette di mano; mantenimento, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro; igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie); evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l’attività sportiva;  non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani; coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce; non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico; pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol; usare la mascherina solo se si sospetta di essere malati o se si presta assistenza a persone malate.

Commenta su Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here