Dal circolo cittadino del Nuovo Centro Destra, riceviamo e pubblichiamo quanto segue:

“Congratulazioni all’intera Martina Franca che nei giorni scorsi ha riottenuto la promozione nella categoria calcio professionisti dopo un’attesa durata giorni per il ripescaggio; merito indubbio della società e dei tifosi che hanno sempre creduto in tutti i soci daltronde”. Così interviene il responsabile alle politiche sportive e giovanili Francesco Fischetti che rincalza e affonda una riflessione nell’intervento in merito alla vittoria “un’entusiasmante e rinato legame fra la squadra calcistica e la propria città; forse lo stesso impegno, avuto per il Martina Calcio da parte dell’amministrazione Ancona avrebbe trattenuto, in auge al seno dello spirito sportivo, anche qualche altra squadra martinese protagonista in altri campionati; ma il palazzetto dello sport ha altri usi per consuetudine degli amministratori attuali”.


Conclude Giovanni Fumarola, giovane leader del NCD martinese “Di pochi giorni fa risale l’intervento  dell’assessore competente alle politiche sportive, il quale ha dato palese indirizzo del futuro dello stadio comunale “Tursi”: delocalizzarlo! A nostro parere quale forza di opposizione, riteniamo opportuno che l’assessore porti in giunta e poi in cantiere interventi propositivi, strutturali e migliorativi dapprima nella zona in cui verrà delocalizzato il nuovo complesso sportivo. Ma ancor più significativa per l’intera cittadinanza sarebbe far comprendere all’intera giunta ed al Sindaco Ancona in primis, quanto sia diventata opprimente la pressione fiscale a Martina Franca e che l’abbassamento dei nuovi tributi farebbe più felici cittadini tifosi e cittadini meno tifosi. L’amministrazione Ancona vuole la delocalizzazione dello stadio comunale in tempi brevi? Per noi del Nuovo Centro Destra la priorità è l’abbassamento reale delle tasse, ovviamente in tempi brevissimi!”

Commenta su Facebook

7 Commenti

  1. Spiegate al responsabile delle politiche sportive (e per fortuna che è il settore di sua competenza) che il nuovo stadio rientra in un progetto pilota della Lega pro che aveva già previsto lo scorso anno di costruire questi stadi di nuova concezione a sue spese a Martina e all’Aquila. Il progetto aveva subito un rallentamento a seguito della retrocessione del martina nei dilettanti. Per cui ora si sta soltanto riprendendo un discorso dello scorso anno che permetterebbe di risolvere l’annoso problema dell’inesistente area mercatale.

  2. Fumarola lasci stare il calcio e tifosi.lo stadio non è un problema suo.Le tasse sono alte e vero ma lo dica a quelli del suo partito che a Roma con la sinistra ci governa!

    • Caro Santoro, i tributi locali non dipendono da Roma in base al principio delle autonomie locali e del federalismo fiscale. I tifosi saranno contenti se il nuovo stadio fosse presentato come opera realizzata dalla società e da altre forze imprenditoriali. Anche i tifosi pagano le tasse ed i tributi locali; compresi quei padri di famiglia che di botto hanno visto la retta della mensa scolastica aumentata del 40%.

  3. I tributi locali sono condizionati da Roma quando vengono ridotti i trasferimenti dal governo centrale ai comuni. Fino a poco tempo fa c’erano soltanto gli assessori ombra di Forza italia a parlare in maniera spesso superficiale. Oggi, tutti i partiti di opposizione si sono voluti dotare di questi responsabili di cui non si avvertiva onestamente l’esigenza.

  4. Mi piacerebbe vedere che tutti è dico tutti i martinesi che come me amano la propria città più di ogni cosa al mondo una volta tanto partecipassero alla gioia di una promozione che non è solo sportiva ma anche culturale
    A quel punto e solo a quel punto tutti capiremmo che anche un nuovo stadio potrebbe diventare un punto di partenza per una nuova rinascita della nostra città , quindi…
    Avanti sindaco !!!! tutta la martina sportiva e non è con te
    Gruppo Kompatto 2001

  5. Pienamente d’accordo con Piero,una città come Martina con 50.000 abitanti e con una lunga tradizione calcistica merita uno stadio all’altezza ! Basta con gente che non ama Martina ma ama i propri interessi personali.forza a quelli che Martina ce l’hanno nel sangue.

  6. Ci siamo rotti di pseudo giornalisti che hanno gufato arrivando a criticare l’amministrazione per aver adeguato lo stadio (spendendo 39.000 euro, quasi quanto costavano al mese, qualche anno fa, gli inutili 10 staffisti messi dai consiglieri di riferimento di questi sedicenti politici che intervengono) così come ci siamo rotti di persone che si assegnano una carica senza essere stati eletti e parlano.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here