Ieri il congresso del circolo cittadino di Sinistra Ecologia e Libertà

E’ andato in scena ieri pomeriggio il congresso di SEL a Martina Franca. All’Auditorium Cappelli erano presenti tutte le maggiori cariche istituzionali del partito, a livello nazionale, regionale, provinciale e locale. Il primo a prendere la parola è stato il segretario cittadino di SEL, Pino Fedele, che ha elogiato il lavoro del circolo ed elencato le attività del partito a Martina nel 2013, ricordando gli ordini del giorno sugli F35 e sul femminicidio. “Quando si fa una buona politica, i risultati arrivano e ne beneficia tutta la comunità”, ha commentato Fedele, soddisfatto delle 112 tessere del circolo martinese, il secondo in tutta la provincia.

L’assessore alle Politiche Sociali Donatella Infante ha esposto i principi su cui la giunta sta basando la propria azione amministrativa (trasparenza, correttezza e legalità) ed ha fatto anche alcuni riferimenti alla politica nazionale, ricordando che SEL è all’opposizione rispetto al governo delle larghe intese. La Infante non ha tralasciato neanche una “stoccata” al Ministro Cancellieri: “E’ strano che non abbia ancora fatto un passo indietro dopo il gesto che ha compiuto”.

Il consigliere comunale Giuseppe Cervellera si è soffermato su tre argomenti cardine: la Tares (con la decisione di rinviare il saldo finale della tassa sui rifiuti dal 31 dicembre al 28 febbraio); la questione urbanistica (il PUG, la rigenerazione urbana ed i tavoli tecnici per approfondire l’argomento) e lo sviluppo economico del territorio (preferenza per i prodotti tipici locali per vincere le sfide della globalizzazione selvaggia, attenzione alle bellezze del territorio attraverso le opere pubbliche).

In seguito ha preso la parola il sindaco Franco Ancona, che ha posto l’attenzione sulla necessità di fare sistema per uscire dalla crisi e non continuare con la suddivisione tra nord e sud, in Italia, in Europa e nel mondo, tornando a privilegiare il ruolo del Mediterraneo come mare di incontro e di pacificazione tra i popoli.

Il consigliere regionale Alfredo Cervellera ha ricordato tutto quello che è stato fatto dal governo pugliese per cercare di risolvere la questione dell’Ilva, mentre l’onorevole Donatella Duranti si è soffermata sul sostegno al lavoro del governo centrale, con i lavoratori dell’ITN e le questioni della Vestas e del gruppo Marcegaglia. Il membro della segreteria provinciale Peter Giacovelli ha fatto riferimento ai 101 “traditori” del PD che hanno affossato Prodi durante le elezioni per scegliere il Presidente della Repubblica: “Bisogna ancora spiegare quel gesto ai loro elettori”.

Al dibattito hanno anche preso parte Angelo Ancona e Alessandro Massafra, segretari del circolo del PD martinese il primo e del Partito dei comunisti italiani il secondo, che hanno posto l’attenzione sulla necessità di unire le forze del centrosinistra per una migliore azione di governo e coinvolgimento della cittadinanza.

Commenta su Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here