Questa mattina  il Sindaco Franco Ancona e il Consigliere regionale Donato Pentassuglia hanno incontrato i responsabili di FSE per definire l’annosa vicenda che impedisce la realizzazione della nuova strada di collegamento del quartiere Carmine con via Mottola. Una parallela di via Pavese, in zona Cupa, che consentirà un ulteriore sbocco al popoloso quartiere.Nella prima decade di febbraio è previsto un nuovo incontro, questa volta a Martina, per definire in sede tecnica la soluzione allo smaltimento delle acque che il progetto della nuova strada, finanziata negli anni 90, non ha definito in modo esaustivo per le FSE i cui binari, in un breve tratto, scorrono paralleli alla costruenda strada.Si è concordato, inoltre, una ripresa del confronto sulle problematiche del trasporto scolastico, da tenersi al più in aprile prossimo, per armonizzare le esigenze degli istituti scolastici con quelle degli studenti che ricorrono al trasporto pubblico.Il lavoro amministrativo è proseguito all’Istituto Majorana dove Sindaco e Consigliere regionale hanno partecipato ad un incontro, soddisfacente, per la costituzione della Fondazione ITS che parteciperà al bando regionale per dare vita a un vero e proprio Istituto per la formazione superiore nel campo della moda. All’ordine del giorno l’analisi del fabbisogno, l’atto fondativo dell’ITS e lo Statuto. Erano presenti anche gli assessori Maggi e Scialpi, i Consiglieri Lupoli e Chiarelli e dei rappresentati dell’ITS logistica di Taranto, dell’IISS Del Prete di Sava, dell’IISS O. Flacco di Castellaneta e dell’Università di Bari. Agli imprenditori e alle scuole già aderenti si è aggiunta anche l’adesione del Comune di Crispiano. Il Sindaco Lopomo, partecipando alla riunione, ha assicurato il pieno sostegno all’iniziativa sottoscrivendo una quota di partecipazione.

La riunione è proseguita demandando agli imprenditori l’onere di esprimere e/o indicare il Presidente della Fondazione consapevoli del ruolo strategico delle imprese nella nascita del progetto e delle sua sostenibilità nel tempo.

Commenta su Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here