Contro il Bernalda finisce 59-49 per i martinesi. Ottima prestazione del capitano Raffaelli

Una DueEsse attenta, concentrata e determinata vince contro il Bernalda e continua ad inseguire il sogno playoff. Ancora una grande gara di sofferenza, sacrificio ed abnegazione per il roster di coach Fantozzi, che non dispone di Dalfini e Maritano (stagione finita per quest’ultimo, tanto che domani dovrebbe lasciare la squadra) e chiede gli straordinari a Verri e Vignali, anche se l’uomo partita è il capitano, Raffaelli, che riesce sempre a trovare i canestri utili a tenere a debita distanza gli avversari. Opaca, almeno in attacco, la prestazione di Potì, che però si è sacrificato in fase difensiva, come tutta la squadra martinese.

Coach Fantozzi sceglie Di Bello, Danna, Potì, Raffaelli e Verri come quintetto iniziale, mentre gli ospiti rispondono con Russo, Cota, Marisi, Candela e Martone. I primi canestri sono del Bernalda, che va sullo 0-4 grazie a Russo e Candela e si tiene in vantaggio fino al 6-11, quando Cota sbaglia due liberi (su tre) dalla lunetta. Alla fine del quarto inizia lo show di Raffaelli, che segna quattro punti consecutivi, permettendo alla DueEsse di chiudere in vantaggio la prima frazione, 17-13.

Nel secondo quarto Lasorte, Raffaelli, Verri e Fedele fanno volare la DueEsse (27-15), che continua a trovare la via del canestro e difendere con ordine, arrivando al +15 con Di Bello e Vignali (32-17), ma il Bernalda non ci sta e piazza un break di sette punti che porta gli ospiti al riposo lungo con sette lunghezze da recuperare (32-24). Il terzo quarto si apre così come si era chiuso il secondo, con il Bernalda che si fa paurosamente sotto grazie ai canestri di Lopez, Cota e Russo (32-30), ma è ancora una volta Raffaelli a far fuggire la DueEsse, prima con la tripla del +5 ed in seguito con un canestro che riporta su i suoi. Il momento positivo del capitano fa crescere tutta la squadra, che trova il canestro con Vignali e Danna (41-32), ma Castoro prova a spegnere l’entusiasmo della DueEsse e di un PalaWoytjla finalmente carico (la disputa della gara alle ore 18.00 della domenica ha riportato tantissima gente al Palazzetto dello Sport martinese) con la tripla del -6 (41-35). Gli ultimi canestri del terzo parziale sono i tiri liberi di Raffaelli e Russo, che portano il risultato sul 43-38.

Il primo canestro dell’ultimo parziale è di Russo, che mette a referto un tiro libero, ma la DueEsse mette a segno il parziale decisivo con la tripla di Di Bello, un tiro libero di Potì ed un canestro di Danna, che portano i martinesi al +10 (49-39). Il quarto fallo raggiunto di Verri costringe Fantozzi a richiamare il pivot in panchina e lasciare in campo Vignali, che non demerita affatto e con questo roster i martinesi piazzano il break decisivo, che sfianca gli ospiti, che si disuniscono del tutto e scivolano fino al -15 (57-42), con la DueEsse che gioca sulle ali dell’entusiasmo e produce buon basket. La gara si chiude 59-49 per i martinesi, che compiono un ulteriore passo verso la salvezza, anche se lo stesso presidente Micoli non nasconde le ambizioni post-season della DueEsse.

Adesso altre due gare ravvicinate, entrambe in trasferta: giovedì il recupero a Monteroni e domenica a Taranto: la strada verso i playoff passerà dal Salento e dallo Jonio. Questa DueEsse può percorrerla fino in fondo, guidata da un mister che sta compiendo un capolavoro quotidiano.

Domenico Fumarola

Commenta su Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here