IN ARRIVO IL NUOVO REGOLAMENTO

Sembra essere la volta buona, o almeno così ha fatto capire il vicesindaco Pasquale Lasorsa, intervenuto a Facciamo Piazza Pulita, la trasmissione del direttore Antonio Rubino, andata in onda venerdì sera. E’ pronto il nuovo regolamento sulla pubblicità che dovrebbe essere adottato a giorni. Un ispettore della stradale di Fasano,  tra i più preparati in  materia di  affissioni, qualche mese fa, non ha esitato a definire Martina una città selvaggia, con tutti abusivi gli impianti pubblicitari, inclusi quelli comunali. A Martina, negli ultimi dieci anni, sono nati come funghi gli impianti m 6×3. Molti di questi sono stati installati dalla notte al mattino, in posti in palese violazione del Codice della strada.  Senza alcuna autorizzazione, potevano contare su sentenze favorevoli da parte del TAR di Lecce che sospendeva le ordinanze di rimozione da parte del Comune, in attesa di un regolamento. Alcuni ex dirigenti dell’Ufficio tecnico ci hanno messo del loro, con autorizzazioni che non potevano essere rilasciate. Negli ultimi anni sono nate anche numerose vele pubblicitarie che vengono stazionate fisse, in molti posti della città, prevalentemente in prossimità di incroci stradali, assolutamente in divieto con il codice della strada. In molte città italiane, ad iniziare da Roma e Firenze sono stati vietati impianti di grande pubblicità, in quanto favorirebbero distrazioni da parte degli automobilisti, con conseguenti incidenti stradali. Una consulenza tecnica della SOGET, la società che dovrebbe gestire la riscossione pubblicitaria a Martina, avrebbe aiutato la stipula del regolamento, adattandolo per Martina Franca, rispetto quello realizzato durante il commissariamento, fatto con il copia, incolla da uno simile di una città del nord. Cosa dovrebbe avvenire dunque nelle prossime settimane? Probabilmente gli operai del Comune dovrebbero procedere a tagliare tutti gli impianti esistenti nella città, molti dei quali, pur autorizzati temporaneamente, non hanno mai pagato la tassa comunale. Successivamente dovrebbe essere fatta una gara pubblica tra tutte le società che ne facciano richiesta che potrebbe portare circa 200.000 euro l’anno di entrate nelle tasche del comune. I nuovi impianti non dovrebbero superare le misure europee che sono di m 4×2. Il Comune da parte sua dovrebbe gestire in proprio,  un certo numero di impianti di cui oggi non dispone, infatti quelli esistenti sono tutti di società private. Riguardo le vele, non sarà più permesso di parcheggiarle, ma dovrebbero muoversi in continuazione. Si dovrà ora capire se il nuovo regolamento permetterà di farle girare in città, all’interno della quale creano inquinamento oppure se saranno vietate come già avviene in altri comuni. Circa venti anni fa, quando a Martina proliferavano auto di pubblicità sonora, il vecchio regolamento ne vietò l’esercizio. Un altro  fenomeno negativo a Martina è l’affissione selvaggia ed abusiva, sia di manifesti che di segnaletica stradale pubblicitaria. Insomma, Lasorsa diachiara che la nuova amministrazione farà piazza pulita. L’intenzione sembra buona, ma soli pochi giorni fa stavano per essere installati nuovi impianti autorizzati dall’Ufficio tecnico, con il patrere favorevole dei vigili urbani,  in barba alle leggi in corso. Fortunatamente c’è stato il ravvedimento del dirigente che ha sospeso l’installazione. Staremo a vedere.

Commenta su Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here