Il prof. Franco Punzi è stato eletto Presidente della Federmusica, federazione che tutela la musica nell’ambito delle manifestazioni che si svolgono a livello nazionale.

Il riconoscimento, che non è onorario ma operativo, arriva grazie al lavoro svolto da Punzi nella sua doppia veste di presidente del Festival della Valle d’Itria e della Fondazione Paolo Grassi, impegnate non solo nella organizzazione del Festival stesso, ma in diverse attività culturali, con un occhio particolare alle nuove generazioni. La Federmusica è la federazione che, all’interno dell’Agis, riunisce le associazioni che rappresentano i teatri di tradizione, la lirica ordinaria, i festival, le istituzioni concertistico orchestrali e le bande. Punzi è stato eletto all’unanimità dall’assemblea della Federmusica, riunitasi ieruim 5 febbraio 2014, a Roma nella sede dell’Agis. Punzi subentra ad Alessandro Bisail, che ha presieduto la federazione dal 2008, anno della sua costituzione. Obiettivo della Federmusica è quello di tutelare e valorizzare le diverse attività musicali che, tutte insieme, arricchiscono con un’offerta plurima il panorama musicale in Italia. Tra gli impegni annunciati dal Presidente Punzi c’è quello di “battersi per una riforma legislativa organica del settore musicale che superi l’ormai vetusta legge del 1967 e determini le condizioni per la creazione di un vero e proprio sistema musicale in Italia”. Il nuovo Presidente di Federmusica ha inoltre sottolineato il ruolo dei tanti soggetti musicali, dai teatri di tradizione alle istituzioni concertistico orchestrali, dai festival alle società dei concerti, dalla lirica di provincia alle bande, che “garantiscono un alto e qualitativo tasso di produttività, a valenza internazionale, e si impegnano nel diffondere in maniera capillare la cultura musicale su tutto il territorio nazionale”. Sicuramente un incarico di prestigio, ma anche uno stimolo in più per il già attivo professore in attività per il sostegno, lo sviluppo e la diffusione della cultura teatrale e musicale, non solo in Puglia ma anche a livello nazionale.

 

Commenta su Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here