Una delle prime cose che da piccoli insegniamo ai bambini è quella di attraversare la strada sulle strisce pedonali, ma a Martina Franca non sapremmo segnalarle. Più volte abbiamo scritto da quasi un anno. Nel suo primo comizio da rieletto, il Sindaco diede la colpa al Commissario prefettizio e a quei Consiglieri comunali che avevano causato lo scioglimento prematuro dell’Assise Comunale. Il primo cittadino parlò di prima priorità, seguito a ruota dall’Assessore Pasquale Lasorsa che fino ad oggi ha dettato i tempi, puntualmente disattesi. Si è data la colpa al tipo di vernice, all’appalto, ma sono sembrate scuse, in quanto, l’elevata pericolosità ai danni dei cittadini avrebbe dovuto far superare tutto. Ci si lavò la coscienza prima dell’apertura delle scuole con alcune di esse davanti ad alcuni presidi scolastici, molte delle quali oggi sono quasi sparite. E’ solito vedere delle persone che, anche a ridosso dei semafori, dicono: “Mi butto o non mi butto?”, come dicevamo sono soprattutto anziani e bambini i quali devono sperare che qualche automobilista si fermi. Ci vorrebbero tanti vigili urbani come al mattino nei pressi delle scuole che bloccassero il traffico, ma è impensabile. Il senso civico a Martina? Non dobbiamo chiederlo alle persone piu’ in difficoltà, ma agli Amministratori comunali che, a quanto pare, sono insensibili anche alla sorpresa che provano i turisti nel constatare questa grande anomalia. Nelle scuole a quanto pare gli stessi insegnanti non sanno piu’ cosa insegnare ai bambini, se non ai loro genitori di accompagnarli ad attraversare la strada. Guai ad accompagnare una vecchietta ad attraversare la strada: si rischia in due 

Commenta su Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here