Di seguito un comunicato diffuso dal parlamentare Gianfranco Chiarelli:

«La grande manifestazione di ieri a Roma  ha confermato, per chi avesse ancora dubbi, il grande consenso popolare che Silvio Berlusconi continua a registrare, e dunque la inderogabilità di individuare una soluzione politica ad un chiaro tentativo di delegittimare, non un singolo uomo politico, ma milioni di italiani che ne condividono le idee e i valori. Senza voler mettere in discussione le decisioni della magistratura, che comunque, oggettivamente,  non si può dire del tutto libera da condizionamenti politici, la discussione non può riguardare il merito delle sentenze, ma l’intero quadro sociale e politico   in cui le stesse si formano. Berlusconi ha anche ulteriormente confermato il grande senso di responsabilità del Popolo della Libertà, assicurando pieno appoggio al governo Letta, nell’interesse esclusivo del Paese. Quanti speravano nel contrario, come ad esempio Vendola, che invoca un governo Pd-Sel-M5S, se ne facciano una ragione: Berlusconi, e l’intero centro destra, continueranno a combattere per la difesa ad oltranza della libertà e della vera democrazia. Ritengo infine doveroso un ringraziamento a tutti i militanti e simpatizzanti che ieri, in una caldissima giornata d’agosto, e con poche ore per organizzarsi, si sono presentati a Roma in decine di migliaia, con un particolare pensiero ai circa 3.000 pugliesi di cui tantissimi della nostra provincia ionica.»  Lo ha dichiarato l’on.le Gianfranco Chiarelli ieri a Roma a capo della delegazione tarantina.

Commenta su Facebook

3 Commenti

  1. Ma quale decine di migliaia se tutti i giornali e i filmati non di parte parlano di poche migliaia. Poi bisogna vedere quanti di questi lo hanno deciso liberamente e quanti, invece, sono stati precettati. Dopo il 1945 erano milioni gli italiani che ancora simpatizzavano per Benito Mussolini e ciò non ha avuto come conseguenza che gli fosse concesso qualche salvacondotto. Non sarebbe giusto fargli pagare la stessa pena di Mussolini, ma un pò di servizi sociali (magari in una casa di riposo a pulire qualche sua coetaneea, quasi ottantenne) gli farebbe bene in termini di riscatto morale. Forse, finalmente, si sentirebbe in pace con se stesso.

  2. Peccato che è stato moderato l’intervento di antonio 79. Avrei voluto leggere quello che ha scritto nella parte moderata. Se nella parte moderata ci fossero state offese nei miei confronti sarei stato comprensivo perchè posso capire lo stato d’animo di chi si trova ad avere, dalla sera al mattino, come leader del proprio partito un pregiudicato piuttosto che l’Unto dal Signore. Finalmente stiamo vedendo il vero Berlusconi e non quello costruito a tavolino.

Rispondi a antonio 79 Cancella la risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here