Inaugurata ieri sera alle 19.00 la nuova sede di del CNA  (Confederazione Nazionale dell’Artigianato e della Piccola e Media Impresa) in via Gozzano 43.

Il CNA collaborerà col COFIDI Puglia (Cooperativa Artigiana di Garanzia) per il sostegno alle imprese artigiane e delle piccole e medie imprese di qualsiasi settore.  In sostanza il COFIDI  è un intermediario finanziario specializzato nelle operazioni di finanziamento, alla consulenza legale , creditizia e finanziaria alle imprese già esistenti e alle Start-up. L’idea nasce dal presupposto che le imprese, diventando socie della cooperativa, possano aiutarsi tra loro attraverso le quote sociali versate. Per queste , pertanto, saranno previste forme agevolate di accesso al credito con delle offerte del tipo, ad esempio, “small business” per imprese di minori dimensioni, e “tranched cover” per le imprese che innovano e che hanno difficoltà ad ottenere finanziamenti bancari.

Il taglio del nastro e il momento inaugurale clou della nuova sede è stato effettuato dall’Arcivescovo Metropolita di Taranto Mons. Santoro, il quale, dopo la benedizione dei locali, ha chiesto ai presenti un minuto di silenzio per commemorare la morte dell’operaio Ilva deceduto per un incidente ieri mattina presso l’acciaieria 1 dello stabilimento tarantino.

Dopo l’intervento di Franco Palazzo, Presidente onorario del Cna Puglia, che ha ricordato l’importanza del sostegno agli artigiani come categoria produttiva che a Martina si è sempre contraddistinta per caparbietà (e che è stata quella che, alla fine dei conti, creò il “polo tessile” come realtà economica di primo piano nel nostro territorio, a tempo debito) sono intervenuti gli altri ospiti.

Il Sindaco Franco Ancona ha poi ribadito, nel suo intervento incisivo, la necessità di una rete di imprese per il nostro territorio, ricordando come il nostro paese è stato da sempre una cittadina di maestranze artigianali che anche nei momenti di crisi ha retto finchè ha potuto. Ancona ha affermato che occorre costruire comunque fiducia tra le imprese e, dal canto suo, mettendo a disposizione una pubblica amministrazione che possa essere un riferimento per gli imprenditori. Ancona ha ricordato che un Comune “deve” curare anche la sua immagine (il riferimento era al turismo), affermando che “se questa estate Martina Franca è stata visitata da molte personalità in vista significa che abbiamo un patrimonio nei confronti del quale vi è una certa attenzione“.

Il Vice – Presidente della Camera di Commercio di Bari, Giuseppe Riccardi, è intervenuto successivamente ricordando che, in questo momento congiunturale, occorre ricostruire il ‘senso comunitario’, quindi la necessità di cooperare. Una cooperazione tra chi sovrintende al ‘bene comune’ (la P.A.), mediante la costruzione di infrastrutture, il miglioramento dei servizi, l’efficentamento energetico (nell’ottica di una “smart city”), e le imprese che in tali contesti possono così operare al loro meglio.

Il Presidente Cofidi Puglia, Pasquale Ribezzo ha invece fatto presente la necessità di una collaborazione CNA-COFIDI maggiormente vicina ai territori, quindi alle esigenze dei cittadini, più di quanto non lo possa essere una semplice agenzia di intermediazione finanziaria. Il COFIDI ricorda, pertanto, la necessità di costruire un rapporto con le imprese che sia “più caldo”.

Ricostruire un rapporto di fiducia reciproca, quindi, tra operatori economici e sistema creditizio può essere (anzi lo è sicuramente) la chiave di volta per lo sviluppo.

Commenta su Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here