Una nota stampa diffusa dal gruppo IdeaLista pone alcuni quesiti su aree dismesse o fatiscenti della nostra città e individuando nel Documento Programmatico per la Rigenerazione Urbana uno strumento per indirizzare la politica economica di un’intera città ed incrementare la produzione delle attività locali. Però secondo IdeaLista il nuovo DPRU non ha tenuto assolutamente conto del Piano Urbano del Traffico, uno degli strumenti urbanistici più importanti che una città possa avere e che questa Amministrazione continua a ignorare. Altresì si criticano le modalità di utilizzo del  centro servizi mantenuto come sede della Polizia Municipale e lasciandolo sostanzialmente vuoto. Il Gruppo consiliare altresì critica le modalità di gestione della faccenda “Hotel Castello”, “risolta” da questa amministrazione strapagando una struttura da demolire per poi non fare nulla. Ribadisce IdeaLista che l’amministrazione lo ha acquistato per quasi 350.000 €, più del triplo di quanto è stato pagato dagli ex proprietari.

Quanto al parcheggio di Viale Europa non le manda certo a dire, chiedendo come mai non si riescono a trovare i fondi per finire il parcheggio, anche se, a onor del vero, la nostra redazione ha interpellato, la settimana scorsa l’assessore ai Lavori Pubblici Gianfranco Palmisano il quale ha assicurato che il parcheggio in questione sarà pronto per gli inizi del 2015 e che manca solo un parere del genio civile per quanto attiene il ponte che dovrebbe collegare il parcheggio con la strada sovrastante.

La critica sostanziale comunque rimanda al DPRU per come è stato attuato, che non risolverebbe i vari problemi urbanistici, di viabilità e di degrado che attanagliano la nostra città, risultando semplicemente un’individuazione di singoli problemi, senza avere una visione di insieme e di sistema.

In maniera propositiva però IdeaLista propone la redazione di un Piano di Recupero del Centro Storico con un relativo censimento dei locali di proprietà del Comune da cedere, a prezzi accessibili, alle varie realtà imprenditoriali (magari giovani) che vogliono realizzare attività ricettive e creare nuovi business, valorizzando locali e aree ormai fatiscenti e in disuso e realizzare all’interno del centro servizi un centro start up volto a favorire progetti imprenditoriali innovativi promossi.

Commenta su Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here