Inaugurata ieri la 91esima edizione del Pitti Immagine Uomo. L’appuntamento, ormai immancabile per le aziende di Martina Franca, porta all’interno delle mura del centro espositivo la professionalità di molti imprenditori che sono ormai sinonimo di qualità per il mondo.

Tra le grandi della moda, vedere gli stand espositivi nostrani riempie di orgoglio, considerando la colossale importanza economica che il comparto ha avuto, e ha, seppur in modo ridimensionato, per la città e il circondario. Oggi capispalla, giacche, completi di importanti maison italiane sono fatte qui e vestono il cinema!

Firenze ha accolto anche quest’anno la fiera internazionale di Pitti Uomo per la cui realizzazione sono arrivati i finanziamenti del Mise e dell’Ice. Importante la capacità di guardare oltre per portare alla Fortezza da Basso i top buyers e la stampa di settore, nonché per iniziare davvero a lavorare, come alcuni raccontano, sul Museo della Moda e del Costume, che verrà svelato a giugno.Firenze propone un museo della Moda…Idea che due anni fa era stata lanciata alla scorsa amministrazione di Martina Franca, visti i tanti materiali presenti e la volontà di alcuni appassionati, per riempire il contenitore vuoto che oggi resta il Centro Servizi. Opportunità economica per la città e le aziende.

Abbandoniamo le polemiche per ora, i complimenti alle mani che hanno operato per permettere ai marchi martinesi, tanti anche quest’anno, di essere a Firenze, dando la possibilità di qualificare Martina Franca quale culla della creatività artigianale.

Evelina Romanelli

(Foto dal web in alto Tagliatore – NCM Group, in basso Nardelli – Raguso assieme al prof. Francesco Lenoci)

Commenta su Facebook
Articolo precedenteParrocchia Santa Famiglia, il ghiaccio più forte della ghisa
Articolo successivoL’autopsia sul corpo del professore rivela: “morte naturale”
Evelina Romanelli
Evelina Romanelli è nata a Martina Franca, laureata in Lettere presso l'Università di Bari con una tesi sul comparto manifatturiero della cittadina della Valle d'Itria. Il lavoro diventa libro "Il Made in Italy in Valle d'Itria", presentato a Milano, capitale della moda. La passione per la scrittura l'avvicina nel 2013 all'editoria, anno in cui comincia la sua collaborazione con il gruppo PugliaPress, dai siti online (Martinasera, PugliaPress, Invalleditria) ai cartacei (Pugliapress e Voce del Popolo) e non ultima la trasmissione televisiva Piazza Pulita. Sua la cura dei libretti da sala per il Festival della Valle d'Itria e la redazione di una recente storia sul dancing La Rotonda. Concretizza il suo lavoro con il conseguimento del tesserino da giornalista pubblicista nel 2015. Attiva collaboratrice della Fondazione Nuove Proposte Culturali, per cui segue i comunicati stampa per le manifestazioni organizzate, è addetta stampa del Comitato Centro Storico di Martina Franca. Definisce il suo rapporto con la scrittura "Un'intima relazione d'amore in cui le mani hanno il potere di leggere il cuore" .

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here