La PM gioca a viso aperto contro la corazzata Lamezia, ma non riesce a evitare l’ennesima sconfitta per 0-3. Lanzolla e il nuovo arrivato Bosco rendono più quadrato un Martina che, comunque, vive ancora di lunghi black-out. I calabresi ringraziano e puntano dritti alla promozione

Di seguito il comunicato stampa della società biancazzurra con cronaca, commento e tabellino della gara

La differenza c’è e si vede, anche con un Biribanti in meno, ma il Martina nel primo e nel terzo set non sfigura riuscendo rispettivamente a battersi punto a punto e inseguire in un recupero poi reso vano dalla gran vena e dall’esperienza di un sestetto, quello di Coach Rigano, che punta diritto alla promozione in Serie A2. LA GARA. Bisignano ha un’altra freccia al suo arco, tesserata in extremis e subito titolare: si tratta di Luciano Bosco, opposto classe 1980 proveniente dal Castellana Grotte (B2). Per lui un ritorno in maglia biancoazzurra al posto di Pagliaroli che ha rescisso in settimana, e 8 punti dai quali partire per migliorare con la squadra. Il Martina appare in palla mentre Rigano non rischia Biribanti schierando Cimino. E’ di Russo il punto che da il mini-break di vantaggio ai biancoazzurri al primo tecnico (8-7) e Siena porta i suoi al +2 che tiene sino al 13-11 (ace sporco di Sarpong). La gara è divertente ed equilibrata, Capra mette giù l’ace del 14 pari e Piccioni sfrutta la sue qualità per ribaltare la situazione al secondo tecnico (14-16). Bosco e un muro di Russo rimettono in pari la contesa, Turano mura Sarpong con quest’ultimo che si riprende il punto (19-20) e tiene a galla i biancoazzurri. Qui però la lucidità degli ospiti ha la meglio: Sarpong invade, Turano fa tap-in dopo una ricezione negativa dei locali, Siena invade e Capra mette giù due palloni di seguito per il 20-25 finale forse troppo duro da digerire per il Martina visto l’equilibrio in campo. Il secondo set, come spesso accade, vede il monologo avversario e un Martina evanescente: il 10-25 finale racconta di un set a senso unico dove i calabresi sfruttano il solito black-out interno per prendere il largo. Terzo set appassionante con Laterza che mette giù due palloni da secondo tocco (2-4) e Lanzolla che dopo gli attacchi in di Bosco e out di Capra mura Cimino (5-5) ma gli ospiti sono lesti a riportarsi sul +3 al primo tecnico (5-8). Capra continua a mettere a segno attacchi interessanti tra cui la pipe del 7-11, punto in cui Russo becca il ‘giallo’ per proteste. Piccioni fa ace (8-14) e allarga il gap che Turano cristallizza sul +5 del secondo tecnico (11-16). Arriva anche il massimo vantaggio con l’ace di Mitidieri (13-20) ma i biancoazzurri non si arrendono e sfruttano un momento di appannamento ospite per riportarsi sotto grazie a un muro a segno e un attacco sbagliato del solito Capra (18-21). La doppia di Laterza (20-23) arriva tardi per le ambizioni di un Martina che va a segno con Siena prima di capitolare sul muro di Mitidieri che stoppa la pipe di Sarpong. Una prestazione che fa ben sperare ma servirà ancora una volta lavorare sui passaggi a vuoto mentali oltre che sulla concentrazione. Il campionato continua e il Martina vuole onorarlo.

Campionato Nazionale Volley Maschile Serie B1 gir. C 2013/14

2° giornata di ritorno – Domenica 16/02/2014 ore 18 – PalaWojtyla – Martina Franca (TA)

PALLAVOLO MARTINA – ILSAP LAMEZIA 0-3

Parziali: 20-25; 10-25; 21-25.

 

PALLAVOLO MARTINA: Lanzolla 3, Colucci ne, Massafra 0, Lerna 0, Siena 7, Iorno 1, Ceppaglia ne, Giunta (L), Sarpong 11, Fortunato ne, Bosco 8, Russo 5. Coach: Vincenzo Bisignano. Att.: 55%; Ric.: 60%; Muri: 7; Ace: 1; Err. Serv.: 9.

ILSAP LAMEZIA: Davoli ne, Laterza 2, Mitidieri 3, Fontana ne, Turano 9, Biribanti ne, Ferraro 0, Cuccaro 3, Cimino 7, Piccioni 9, Caracciolo 0, Capra 14, Bisci (L). Coach: Giampietro Rigano. Att.: 72%; Ric.: 65%; Muri: 10; Ace: 6; Err. Serv.: 6.

Arbitri: Rosario Vecchione (Salerno) – Enrico Autuori (Salerno).

Durata set: 25’, 19’, 27’ tot. 71’ Note: spettatori circa 250.

Commenta su Facebook

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here